Casolla

Casolla non ha luoghi di aggregazione. Molti sono gli spazi abbandonati, anche privati, che potrebbero ospitare iniziative culturali permanenti nel quartiere, con accordi tra pubblico e privato.

È fondamentale ottimizzare il servizio di trasporto pubblico, ormai obsoleto, con orari che non rispondono più alle esigenze degli abitanti.

Nella frazione pedemontana bisogna valorizzare la Chiesa di San Rufo Martire, gioiello dimenticato della nostra città, come polo culturale. Vanno intercettati fondi regionali e nazionali, molti provenienti dal Recovery plan, per restaurarla e inserirla stabilmente in un percorso organico delle bellezze storiche e artistiche della città.

Lascia un commento